Vita da famiglia digitale: sempre e dovunque online?

La vita di famiglia è sempre più digitale: in Svizzera, le case nelle quali crescono bambini e giovani sono equipaggiate di ogni tipo di media digitali. Anche una notevole percentuale di alunni delle elementari possiede dispositivi che può utilizzare in camera propria. Considerando alcuni aspetti, per le famiglie questo può comportare un vantaggio, ma il comportamento online deve essere organizzato in modo responsabile ed è necessario stabilire adeguati periodi e zone offline.

I genitori che hanno la possibilità di lavorare in modo mobile-flessibile, ad esempio svolgendo da casa il lavoro d’ufficio o usufruendo di orari di lavoro flessibili, riescono a conciliare meglio lavoro e famiglia. In questi casi, il vantaggio va anche a favore dei bambini che hanno così la possibilità di rivolgersi ai loro genitori senza complicazioni, anche mentre stanno lavorando. Altro vantaggio è la possibilità di mantenere contatti anche intensi con i componenti della famiglia lontani, come i nonni o i genitori che sono in viaggio per lavoro, tramite viodeochiamate con Skype o Facetime. Inoltre, le tecnologie digitali, quali gli acquisti online o l’online-banking, semplificano la vita a molte famiglie che riescono così ad evitare lo stress di fare la spesa durante il fine settimana o di recarsi alla posta o in banca.

Va però detto che molti genitori utilizzano sempre più spesso i dispositivi mobili per questioni di lavoro anche quando sono a casa con i bambini o in ferie. Questo comporta ripercussioni sui rapporti sociali all’interno della famiglia, inoltre le ricerche hanno dimostrato che i bambini utilizzano i media seguendo l’esempio dei genitori.

Cari genitori – noi siamo al vostro fianco!

Un servizio professionale e gratuito per genitori e persone di riferimento di bambini e giovani – per telefono 058 261 61 61online.

La sensazione di sentirsi ignorati

In alcuni casi, la reperibilità digitale dei giovani, indipendentemente dal luogo in cui si trovano, compli-ca il rapporto figli-genitori. I teenager aspirano all’indipendenza dai genitori. I genitori, invece, si preoccupano se inviano ai figli dei messaggi digitali e non ricevono nessuna risposta.

Dagli USA arrivano i dati sull’interazione sociale all’interno della famiglia e sulla crescente penetrazio-ne dei media digitali nella vita familiare. Dal 2007, la percentuale di persone che si sono sentite igno-rate da un familiare a causa di internet o della TV è cresciuta costantemente. Se prima del boom degli smartphone, nel 2007, la percentuale di chi dichiarava di sentirsi ignorato a volte o spesso era del 36%, nel 2014 era già salita al 57%. Quindi, la percentuale di persone che si è sentita ignorata da un componente della famiglia a causa dell’utilizzo di internet è aumentata in modo significativo.

Suggerimenti per genitori

  • Stabilite luoghi e orari in cui si deve essere offline: ad esempio, a tavola, quando si mangia tutti insieme, la sera, in camera da letto, nel traffico stradale, quando si guida e quando si cammina;
  • organizzate gite durante le quali tutta la famiglia non utilizza lo smartphone e portatelo con voi solamente per le emergenze.
  • ricordatevi del vostro ruolo d’esempio in qualità di genitori.

Dott.ssa Sarah Genner

Dott.ssa Sarah Genner

Sarah Genner, psicologa esperta di media, svolge ricerche e redige studi riguardanti gli effetti di inter-net e dei media sulle persone e sulla società. E’ coautrice dello studio JAMES sulla gestione dei me-dia da parte dei giovani in Svizzera e dello studio MIKE sui comportamenti di utilizzo dei media da parte degli allievi delle elementari. Nel 2016, la sua dissertazione sui rischi e sugli effetti collaterali di internet mobile ha vinto il Mercator Award.


Hat Ihnen der Artikel weitergeholfen?

0
0